asia educazione

Laboratorio con l’argilla

Laboratorio guidato da Maria Rapagnetta

Incontrarsi nell'arte

In questo laboratorio i ragazzi, concentrandosi solo sul senso del tatto, sono entrati in contatto con l’argilla, riuscendo così a osservare le emozioni emerse a contatto con la materia.
L’argilla, con la sua duttilità, si trasforma facilmente sotto il semplice movimento spontaneo delle mani, infatti l’obiettivo non è quello di realizzare un oggetto definito, ma solo quello di dedicarsi all’ascolto delle emozioni emerse dal contatto.
Nell’esplorare l’argilla i ragazzi sono rimasti colpiti nel notare che il semplice contatto con la materia potesse rivelare loro tante sfumature emozionali che nella quotidianità – spesso per la scontatezza che il senso del tatto assume – non erano in grado di notare.
Dalla sorpresa di questa scoperta i ragazzi hanno mostrato un rinnovato interesse per comprendere meglio il modo in cui attraverso i sensi ognuno di noi fa esperienza, sono nate diverse domande riguardanti la sfera emozionale, cognitiva e filosofica.
Alcuni ragazzi hanno subito notato che per un artista il contatto con la materia non diventa mai scontato, e che non è un caso il fatto che ogni artista è più attratto da alcuni materiali con i quali realizza le proprie opere.

 

“noi altri dipintori abbiamo da parlare con le mani”
Annibale Carracci

Tutte le attività sono condotte seguendo la metodologia dell'educazione all'ascolto della scuola di ASIA e del metodo Sentire l’Arte.

Arte figurativa


Facebook Twitter Youtube
Newsletter

Acconsento al trattamento dei miei dati personeli

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi