asia
18 Gennaio 2007

Scienza e Filosofia - Cosa può dire la fisica quantistica alla filosofia?

Giovedì 18 gennaio, ore 17, Sala Ferri - Firenze

Argomento: Filosofia, Scienza

Perché la meccanica quantistica ha molte cose da dire alla filosofia?
Ne parleranno giovedì 18 gennaio nella Sala Ferri di Palazzo Strozzi (ore 17), per il ciclo Pensare il presente delle scienze, a cura del Gabinetto Vieusseux, dall’Istituto Gramsci Toscano, dalla Biblioteca Filosofica e dalla Società Italiana per lo studio dei rapporti tra Scienza e Letteratura, due tra i maggiori fisici e filosofi della scienza italiani: Maria Luisa Dalla Chiara, ordinaria di Filosofia della Scienza all'Università di Firenze e presidente del “Centro Fiorentino di Storia e Filosofia della Scienza” e Giuliano Toraldo di
Francia, professore emerito di Fisica Superiore epresidente onorario a vita della “Società Italiana di Fisica” (hanno pubblicato insieme, tra l’altro, l’Introduzione alla filosofia della scienza, Laterza, 1999).
Gli oggetti che appartengono all’enigmatico mondo dei quanti (fotoni, elettroni, quarks,....) sembrano molto lontani dalla nostra esperienza quotidiana. Ma il loro comportamento “strano” (e per certi aspetti ancora misterioso) ha contribuito a una revisione profonda di alcune categorie fondamentali del nostro pensiero.
Molte domande, che per secoli sono state al centro della riflessione filosofica, hanno trovato risposte nuove e impreviste nel contesto della “rivoluzione” epistemologica quantistica: che cosa sono gli oggetti attraverso cui organizziamo le nostre esperienze? che
cosa significa identità? in che modo la realtà risulta inesorabilmente intrecciata con la possibilità? come si realizza il rapporto fra oggetto osservato e soggetto osservatore? Perché il mondo è indeterministico, e Einstein aveva torto quando sosteneva che “Dio non gioca a dadi”?
Oggi, l’indeterminismo quantistico ha trovato applicazioni interessanti nel contesto della teoria quantistica dell’informazione e della crittografia quantistica. I computer quantistici (calcolatori di straordinaria efficienza e velocità) sono per ora delle macchine teoriche, ma si stanno facendo rapidi
progressi per realizzarli. In questo modo i ”misteri e i paradossi” di una teoria si sono trasformati in risultati tecnologici utili.


Commenti:


Non ci sono commenti


Lascia un commento:


Se desideri lasciare il tuo commento devi essere registrato ed effettuare il login inserendo Utente e Password negli appositi campi in alto nella pagina.
Se non sei ancora registrato clicca qui per registrarti.
Facebook Twitter Youtube
Newsletter




Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi