asia
11 Ottobre 2010

Nobel per la Pace: la moglie di Liu agli arresti domiciliari

Argomento: Attualità

Fa riflettere il Nobel per la Pace al cinese Liu Xiaobo, professore di lettere condannato a undici anni di carcere semplicemente per aver sottoscritto il documento a favore della democrazia "Carta08"; la moglie del professore, agli arresti domiciliari pur non essendo formalmente accusata di alcunché, è riuscita solo ieri ad incontrare il marito in prigione e a dargli la notizia del prestigioso premio. La scelta della giuria svedese è stata definita dalle autorità cinesi "un'oscenità".
Molte e varie sono le voci che dall'Europa parlano alla Cina, basti pensare all'ambiguità con cui viene trattato un personaggio "scomodo" come il Dalai Lama; ora il Nobel per la Pace al "dissidente" Liu Xiaobo, mentre i mercati europei non possono che continuare ad ammiccare alla Cina, sempre più evidentemente al centro dell'economia mondiale... Mai come ora è palese la dicotomia interna di un'Europa che "fa quello che può" per salvare le vittime di spietati regimi e, al contempo, tornaconti che con gli ideali di cui questo continente è stato la culla hanno ben poco a che fare.

di Linda Altomonte
Redazione asia.it

Clicca qui per leggere l'articolo su ansa.it.


Commenti:


Non ci sono commenti


Lascia un commento:


Se desideri lasciare il tuo commento devi essere registrato ed effettuare il login inserendo Utente e Password negli appositi campi in alto nella pagina.
Se non sei ancora registrato clicca qui per registrarti.
Facebook Twitter Youtube
Newsletter




Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi