asia
30 Aprile 2010

Tutti pazzi per Gödel, la guida completa al teorema di incompletezza

Letture consigliate

Argomento: Recensioni

Tutti pazzi per Gödel, la guida completa al teorema di incompletezza
Fancesco Berto
16€
2008, Laterza

I teoremi di incompletezza, dimostrati dal logico matematico Kurt Gödel nel 1931, rappresentano i risultati della logica formale forse più noti e profondi del ‘900. Come affermò John von Neumann:

"Il risultato di Kurt Gödel nella logica moderna è unico e monumentale - in realtà è  più di un monumento, è una pietra miliare che resterà  visibile da lontano nello spazio e nel tempo."

La prova di Gödel è un risultato tecnico piuttosto complesso, ma che ha conseguenze che vanno anche al di là della logica formale: matematici, filosofi, fisici e informatici si sono cimentati in varie interpretazioni dei teoremi di incompletezza per argomentare ipotesi sulla natura della matematica o per esplorare i limiti della conoscenza umana.

La caratteristica di “Tutti pazzi per Gödel” consiste proprio nel proporre una dimostrazione dei teoremi di incompletezza sufficientemente rigorosa, ma accessibile anche al lettore non specialista, e nello stesso tempo di dedicare quasi la metà del volume a descrivere e commentare le diverse posizioni filosofiche che fanno riferimento ai risultati dell’illustre logico austriaco.

L’autore è un giovane e brillante filosofo italiano, Francesco Berto, che ha la passione per l’ontologia e per la logica, e che insegna presso le università di Venezia e di Aberdeen. Un filosofo che quindi sa accompagnarci alla scoperta dei significati matematici e non matematici dei risultati gödeliani, e che nello stesso tempo si rivela una valida e competente guida anche per gli aspetti più formali delle questioni trattate.

Tutto nasce - si potrebbe dire - con il programma formalista di Hilbert di ridurre la matematica a formalismo, le dimostrazioni a procedure simboliche e i postulati a proposizioni convenzionali. Un sistema formale che rappresenti tutta l’aritmetica (e quindi di conseguenza tutta la matematica) deve però essere coerente e completo. Coerente nel senso che esso non può dimostrare una proposizione e il suo contrario, e completo nel senso che data qualunque proposizione del sistema, bisogna essere in grado di dimostrare o la proposizione stessa o il suo opposto. In altri termini, un sistema che ambisca a descrivere, e quindi fondare, l’intera matematica, non può né essere contraddittorio né può trascurare di dimostrare tutte le proposizioni vere.

L’operazione di Gödel è  quella di costruire, all’interno del sistema formale S, una proposizione autoreferenziale G, il cui significato è “G non è dimostrabile in S”; quindi si passa a dimostrare che se S è un sistema non contraddittorio e sufficientemente potente da descrivere l’aritmetica, né G né il suo opposto sono dimostrabili all’interno di S. Ne segue che G è una proposizione indecidibile in S, e che lo stesso sistema S non è completo; ma allora non può esistere nessun altro sistema formale che possa esprimere in modo completo l’aritmetica, e quindi il programma di Hilbert è destinato al fallimento.

Un modo piuttosto intuitivo per cogliere il senso della dimostrazione di Gödel è quello di osservare che se G fosse dimostrabile in S, allora sarebbe vero, ma se G è vero allora è vero che “G non è dimostrabile in S”, e quindi avremmo una contraddizione; ma se G è un sistema coerente le contraddizioni non sono ammissibili, e dunque G non può essere dimostrabile in S. Il significato dell’opposto di G è, invece, che non è vero che G non è dimostrabile in S, cioè “G è dimostrabile in S”. Ma allora neanche non-G è dimostrabile in S, poiché altrimenti S dimostrerebbe qualcosa di falso. Quindi, appunto, in S non è dimostrabile né G, né non-G.

La questione, tuttavia, contiene molti punti delicati, che riguardano, in particolare, il rapporto fra l’ambito sintattico (cioè quello del formalismo), e l’ambito semantico (cioè quello del significato, del vero e del falso). Il pregio del libro di Berto è quello di entrare nei dettagli di distinzioni anche piuttosto sottili e di chiarirle al lettore, che deve comunque essere paziente nel seguire da una parte i passaggi formali, e dall’altra la loro interpretazione semantica.

Gödel era un platonista: era convinto, cioè, che le verità della matematica esistono indipendentemente dall’uomo e che il matematico non inventa i fatti matematici, ma li scopre. Il suo teorema può essere interpretato proprio in un senso platonista: se i numeri naturali esistono in modo autonomo, allora anche tutte le proposizioni dell’aritmetica saranno o vere o false. Ma se esiste una proposizione G che non è dimostrabile in S, allora il significato del teorema di incompletezza è che “la verità può oltrepassare la dimostrazione”, nel senso che esistono proposizioni che sono vere ma non dimostrabili.

Inoltre il teorema di Tarski ci assicura che dato un sistema S coerente, non si può definire al suo interno il concetto di verità, e quindi la verità non è riducibile ad un sistema formale.

Tuttavia, ci possono essere interpretazioni opposte del risultato gödeliano. Infatti al sistema formale S può  essere aggiunta o la proposizione G o non-G; nel primo caso si ha un sistema formale in cui è vera G e che ha come modello i numeri naturali; nel secondo caso sarà vera la proposizione non-G, e il sistema formale avrà come modello un sistema di numeri naturali non standard, che contengono, ad esempio, i numeri “soprannaturali”: numeri che sono più grandi di qualsiasi numero naturale.

Ciò significa che la proposizione G non è vera in senso assoluto, ma solo rispetto ad un modello specifico di numeri; e quindi il concetto di verità matematica non sarebbe assoluto, ma relativo al modello numerico di riferimento.

Grazie al teorema di incompletezza possiamo costruire un’infinità di sistemi formali a cui corrispondono altrettanti modelli numerici, in mezzo ai quali il sistema intuitivo dei numeri naturali  si disperde e non ha più quella centralità che esso avrebbe in una visione platonista.

Che valore dare, allora, all’intuizione dei numeri naturali? Se l’intuizione è vaga, per cogliere in modo rigoroso il concetto di numero naturale bisogna ricorrere ad un sistema formale? Che ruolo hanno, allora, l’intuizione e la formalizzazione all’interno della matematica, e più in generale nei processi conoscitivi?

di Paolo Pendenza
Redazione Asia.it


Commenti:


Non ci sono commenti


Lascia un commento:


Se desideri lasciare il tuo commento devi essere registrato ed effettuare il login inserendo Utente e Password negli appositi campi in alto nella pagina.
Se non sei ancora registrato clicca qui per registrarti.
Facebook Twitter Youtube
Newsletter




Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Videocorsi scaricabili
Dona ora
Iscriviti ad Asia
Articoli
Eventi